Saldo e stralcio: riaperti i termini per aderirvi ⋆ FiscoBusiness

Saldo e stralcio: riaperti i termini per aderirvi

Il decreto crescita riapre i termini per il saldo e stralcio: quali i debiti ammessi, chi può presentare la domanda ed entro quando

Il Decreto Crescita all’art. 16 bis co. 2 ha riaperto i termini per aderire al Saldo e stralcio delle cartelle. Con il “Saldo e stralcio” è infatti possibile definire i debiti tributari comprensivi di interessi e sanzioni, ad un importo agevolato.

Quali debiti rientrano nel saldo e stralcio

Il “Saldo e stralcio” riguarda imposte non versate e risultanti:

  • dalle dichiarazioni annuali;
  • dall’attività di controllo delle dichiarazioni effettuata dall’Amministrazione finanziaria secondo l’art. 36-bis D.P.R. 600/1973 e l’art. 54-bis del D.P.R.633/1972 in materia di Iva.

Sono definibili i debiti risultanti da carichi affidati all’Agente di Riscossione tra il 1 gennaio 2000 e il 31 dicembre 2017 compreso l’omesso versamento dei contributi, esclusi quelli oggetto d’accertamento.

Vuoi sapere come evitare un accertamento fiscale sul tuo conto corrente leggi qui.

Chi può accedere al saldo e stralcio

La domanda può essere presentata solo dai contribuenti che si trovano in una situazione di grave e comprovata situazione di difficoltà economica, ovvero:

  • con un ISEE fino a 20.000 euro;
  • o con una procedura di liquidazione del patrimonio in corso secondo l’art.14 – ter L. 3/2012.

Compresi i contribuenti decaduti dalle precedenti rottamazioni, compresa la rottamazione-bis.

Con la riapertura dei termini la nuova scadenza per presentare la domanda è stata fissata al 31 luglio 2019.

Quanto si paga

Con il saldo stralcio si andrà a pagare un importo variabile a seconda del reddito ISEE, pari al

  • 16% delle somme dovute, a titolo di capitale e interessi di ritardata iscrizione a ruolo, con un ISEE fino a 8.500 euro;
  • 20% delle stesse somme dovute se l’ISEE va da 8.500,01 a 12.500 euro;
  • 35% delle somme dovute, con ISEE da 12.500,01 a 20.000 Euro;

a cui vanno aggiunte l’aggio, le spese per procedure esecutive e i diritti di notifica.

Per chi è sottoposto a liquidazione del patrimonio, invece l’importo da pagare sarà pari al 10% delle somme dovute.

Ti è piaciuto l’articolo? Condividilo!

Foto di PublicDomainPictures da Pixabay

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito o gli strumenti terzi da questi utilizzati si avvalgono di cookies necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi